Month: ottobre 2018

Morire di selfie: 259 morti in tutto il mondo

Morire per un selfie killer? Purtroppo si. A quanto pare negli ultimi sei anni sono almeno 259 le persone decedute in tutto il mondo a causa di un selfie scattato in luoghi o situazioni pericolose. A denunciare l’emergenza selfie killer lo è una ricerca realizzata in India, dove il fenomeno sembra essere assai diffuso, tanto che dopo una serie di incidenti mortali nel 2016 la città di Mumbai ha creato 16 “no selfie zone”. La ricerca, condotta dall’All India Institute of Medical Sciences di Nuova Delhi, elenca una serie pari a 259 selfie mortali avvenuti fra l’ottobre 2011 e il novembre 2017, la maggior parte dei quali accaduti proprio in India.

Ma se il numero più alto di morti è stato riportato dall’India, che registra quasi metà degli incidenti, il secondo triste primato spetta alla Russia, seguita dagli Stai Uniti e dal Pakistan.

Le cause di morte più comuni? Annegamento, trasporti, cadute da posti molti alti

Le cause di morte più comuni, riferisce una notizia Adnkronos, sono l’annegamento, gli incidenti nell’ambito dei trasporti, le cadute da posti molti alti, e in otto casi si tratta di attacchi da parte di animali selvaggi. In particolare, se settanta vittime dei selfie killer sono morte per annegamento, al secondo posto ci sono gli scatti sui binari mentre arriva il treno. Ma nell’elenco si trovano anche vittime di incidenti con armi da fuoco, e persone fulminate da scariche elettriche.

L’età media delle vittime è di 22,9 anni

Più dell’85% delle vittime ha un’età compresa fra i 10 e i 30 anni, quindi l’età media delle vittime (quasi tre quarti maschi), è risultata di 22,9 anni, sottolinea Agam Bansal, autore dello studio.

Purtroppo, però, i veri dati sulle morti da selfie potrebbero riguardare un numero molto più alto rispetto a quello riportato dalla ricerca. Lo studio infatti è stato effettuato attraverso ricerche sul web tramite parole chiave, come morte per selfie, incidente selfie o mortalità selfie. In questo modo sono state trovate informazioni su 137 incidenti in tutto il mondo, che hanno causato appunto 259 vittime in sei anni. Ma potrebbero essere molte di più.

La Russia contro i selfie killer

“Sono morti che si potrebbero prevenire – dichiara Agam Bansal -. Servirebbero delle aree ‘no selfie’ nelle zone turistiche specialmente in posti come corsi d’acqua, picchi e edifici alti, per diminuire l’incidenza di queste morti”. Magari non solo in India, ma in tutto il mondo.

E a dimostrazione che il fenomeno dei selfie killer non è una novità, tre anni fa la Russia ha lanciato una campagna educativa all’insegna dello slogan “Anche un milione di like sui social non vale la vostra vita”. Per sensibilizzare i giovani lo slogan è stato accompagnato da varie immagini delle “cattive idee per un selfie”, riporta Ansa. Speriamo che in Italia non ce sia mai bisogno.