Month: novembre 2018

A Milano sono in arrivo 16.000 nuovi alberi

Milano vuole diventare sempre più verde: nei prossimi mesi sono in arrivo in città 16.000 nuovi alberi, fra pioppi, aceri, frassini, querce, liquidambar, tigli, robinie e sophore, che il Comune di Milano intende mettere a dimora in vecchi e nuovi parchi, e in viali e parcheggi attualmente non alberati. Un esempio della direzione che vuole percorrere l’amministrazione è infatti quella di inserire il verde soprattutto là dove oggi non c’è. A dare il via alla stagione agronomica 2018-2019 è stato l’assessore al Verde, Pierfrancesco Maran. “Da un lato quindi rafforziamo il patrimonio arboreo nelle grandi aree verdi – commenta l’assessore Maran – dall’altro rendiamo più belli e sostenibili dei luoghi urbani di passaggio”.

La Milano del 2030 sarà una città molto più verde

Si tratta di inserire nel contesto urbano un numero di piante in crescita rispetto agli anni passati, visto che nel 2017 erano stati piantati 14.921 alberi, e nel 2016 circa 9.200, per il 74% di interventi attuati in due anni. E se il numero delle alberature cresce lo farà maggiormente nei prossimi anni, con il piano di forestazione su scala metropolitana cui il Comune ha iniziato a lavorare insieme al Politecnico per costruire insieme la Milano del 2030. Sarà “una città molto più verde – prosegue Maran – con almeno 20 nuovi parchi, la realizzazione del grande Parco Metropolitano e tre milioni di nuove aree agricole”.

Arricchire il patrimonio urbano dei 464.761 esemplari già presenti

I 16.000 nuovi alberi, un numero che include quelli in sostituzione di quelli abbattuti perché malati o caduti a causa del maltempo, insieme a oltre 4.900 arbusti, andranno ad arricchire il patrimonio di 464.761 esemplari presenti in città, di cui 234.437 sono gestiti direttamente dal Comune attraverso il Global Service di Miami (Manutenzione Integrata Ambientale Milano).

Gli interventi saranno sviluppati secondo cinque direzioni

In particolare, riferisce askanews, gli interventi saranno sviluppati secondo cinque direzioni: la creazione di nuovi filari alberati, aiuole stradali e aree lungo le infrastrutture, piantumazioni in zone a parcheggio esistenti, interventi con elevato valore ecosistemico (come quello in programma al Bosco in città), interventi di Phytoremediation, cioè la tecnologia che sfrutta la naturale capacità depurante delle piante (come in via Assiano, in un’area che sarà bonificata da Eni), e altri interventi su parchi già esistenti. Tutte le informazioni su ogni nuovo albero in gestione a Miami saranno pubblicate sul geoportale del Comune di Milano.

 

Milano a 303 mila imprese: l’economia continua la sua crescita

Milano corre e non si ferma, nemmeno per quanto riguarda il trend dell’economia. Lo riferisce la Camera di Commercio di Milano Monza Brianza e Lodi, che rivela che le  imprese toccano a settembre le 381 mila unità, di cui 303 mila a Milano, 64 mila a Monza e 15 mila a Lodi. I numeri sono il frutto di una elaborazione della Camera di commercio sui dati del registro imprese a settembre 2018. Positivi anche i dati relativi all’impiego: gli addetti sono 2,5 milioni, di cui 2,2 milioni a Milano, 236 mila a Monza, 43 mila a Lodi.

Exploit in un anno

Un anno fa Milano contava 299 mila imprese contro le 303 mila di settembre 2018: si tratta di una crescita pari a +1,3%. Gli addetti sono quasi 2,2 milioni, rispetto a 2 milioni del 2017. Tra le imprese, sono 53 mila le femminili, 18%, quasi 49 mila le straniere, 16%, 24 mila le giovanili, 8%. Primi settori per crescita in un anno, tra quelli che superano le 50 imprese: attività riguardanti le lotterie, le scommesse, +10%, oltre 300 imprese, attività di servizi finanziari, +10%, oltre 4 mila imprese, ricerca scientifica e sviluppo, +9% con oltre 600 imprese, attività di direzione aziendale e di consulenza gestionale, +7% con oltre 10 mila imprese. Tra i settori in crescita con meno di 50 imprese anche le imprese di servizi veterinari, +14% con oltre 30 imprese dedicate, gestione dei rifiuti, +8% con oltre 40 imprese.

Monza Brianza, stabile ma con settori in espansione

Nell’area di Monza Brianza le imprese sono circa 64 mila sul territorio, stabili in un anno. Sono 12 mila le femminili, 18%, 5 mila le giovanili, 8%, 7 mila le straniere, 10%. Tra i settori che crescono di più: silvicoltura ed utilizzo di aree forestali, +16,7%, fornitura di energia elettrica, gas, con oltre 50 imprese, +13%, magazzinaggio e supporto ai trasporti, +11% con 338 imprese, vigilanza e servizi finanziari (entrambe +10%).

Lodi, bene le imprese femminili e quelle straniere

A Lodi sono circa 15 mila le imprese del territorio, stabili in un anno (-0,3%). Sono 3 mila le femminili, 19%, oltre mille le giovanili, 9%, quasi 2 mila le straniere, 13%. Tra i settori che crescono di più in un anno, tra quelli con oltre dieci imprese: attività cinematografica, +20%, attività riguardanti le lotterie, le scommesse, +17%, servizi di assistenza sociale residenziale, +14%, silvicoltura, +11%, direzione aziendale, +10%.