Mese: Febbraio 2022

Cosa fare quando si verifica una perdita d’acqua in casa

Una delle cose più spiacevoli che possa capitare in casa è quella di constatare un allagamento in cucina.

Il verificarsi di una perdita d’acqua infatti è certamente fastidioso e necessità di grande impegno da parte nostra per sistemare nuovamente tutto, considerando che anche mobili ed eventuali tappeti potrebbero essersi bagnati.

Ma il problema più grande non è questo, ma quello relativo ad eventuali danni che possiamo involontariamente andare ad arrecare ai piani inferiori.

Dunque quando si verifica una perdita d’acqua in casa, ci sono delle cose da fare immediatamente per cercare di risolvere il problema.

Chiudere l’erogazione dell’acqua

La prima cosa da fare non è quella di individuare la perdita, ma al contrario è quella di andare a chiudere l’acqua così da porre fine alla perdita. In questa maniera avremmo infatti risolto il primo problema, cioè quello di evitare di peggiorare ulteriormente le cose.

Mettendo fine al flusso dell’acqua, potremmo da subito dedicarci alle fasi di rimozione dell’acqua stessa, così da preservare gli arredi ed i suppellettili.

Terminata questa procedura, possiamo concentrarci su quello che è l’aspetto cruciale, ovvero identificare la perdita.

Identificare la perdita

Questa fase non è semplice e soprattutto è delicata, e dunque individuare con esattezza l’eventuale provenienza di una perdita può richiedere un occhio piuttosto allenato.

A perdere potrebbero semplicemente essere delle tubature a vista come quelle che si trovano sotto i rubinetti, ma l’acqua potrebbe arrivare anche dall’appartamento dei vicini o ad esempio da un tetto.

Dedica a questa fase tutto il tempo necessario e, se ritieni di non avere esperienza a sufficienza per poter intervenire in maniera risolutoria, fai bene a rivolgerti ad un servizio di pronto intervento 24 che possa mettere a tua disposizione un bravo idraulico rapidamente.

Elimina L’acqua stagnante

Se invece sei riuscito ad individuare in maniera inequivocabile l’origine della perdita d’acqua, fai bene ad eliminare quella stagnante. Questa infatti, con il trascorrere del tempo è in grado di infiltrarsi fino a raggiungere gli appartamenti sottostanti.

Fai bene allora rimuovere tutta l’acqua utilizzando ad esempio degli stracci o eventualmente un piccolo aspiratore d’acqua nel caso in cui la quantità sia più di quel che pensavi.

Elimina muffa e umidità

Dopo aver rimosso tutta l’acqua che si era accumulata nei pressi della perdita, fai bene anche a concentrarti su quelle eventuali macchie di umidità o muffa che inevitabilmente si saranno già formate.

Per far ciò, cerca di far circolare liberamente l’aria all’interno della zona interessata dalla perdita, così che possa esserci un adeguato ricambio e l’umidità possa uscire.

Nel caso in cui l’umidità presente sul posto sia eccessiva e la normale circolazione dell’aria non sia ritenuta sufficiente a risolvere il problema, è possibile utilizzare un apposito deumidificatore il cui compito è quello di andare ad estrarre tutta l’umidità presente nell’ambiente.

Ripristina la situazione originale

Quando avrai rimosso tutta l’acqua, inclusa quella stagnante, identificata la perdita ed eliminato il problema, nonché eliminate eventuali tracce di muffa e umidità, sarà il momento di ripristinare la situazione originale andando ad effettuare eventuali piccole opere murarie per chiudere nuovamente eventuali spiragli che eri stato costretto ad aprire per arrivare fino ai tubi.

In breve

In questa maniera potrai ritenerti soddisfatto perché sarai riuscito ad individuare la perdita, eliminare il problema e ripristinare la normale situazione.

Come vedi, anche se non hai grande dimestichezza con questo tipo di pratiche, puoi ugualmente tentare di effettuare una riparazione autonoma.

Come accennato, nel caso in cui questa operazione dovesse essere troppo complicata per quelle che sono le tue conoscenze, fai bene ad affidarti ad un professionista.

Gli attacchi alle email aziendali sono in aumento

Gli attacchi alle email aziendali (Business E-mail Compromise, BEC) sono schemi di frode che consistono nell’impersonare il membro affidabile di un’azienda.
Nel quarto trimestre del 2021 i sistemi di Kaspersky hanno sventato più di 8.000 attacchi BEC, che hanno raggiunto il picco in ottobre con un totale di 5.037 attacchi. Secondo Verizon, questo tipo di frode è stato il secondo attacco di social engineering più comune del 2021. Nel corso del 2021, i ricercatori di Kaspersky hanno analizzato il modo in cui i truffatori creano e diffondono le email false, scoprendo che gli attacchi tendono a rientrare in due categorie: su larga scala (BEC-as-a-Service) ed estremamente mirati (BEC mirati).

BEC-as-a-Service e BEC mirati

Gli attacchi BEC-as-a-Service si basano su un meccanismo molto semplice in modo da poter raggiungere un numero più alto di vittime. Per riuscirci, gli attaccanti inviano in massa messaggi non particolarmente sofisticati da account di posta gratuiti. Altri criminali propendono per strategie più avanzate, gli attacchi BEC mirati, che colpiscono una casella di posta intermedia ottenendo l’accesso alla mail di quel dato account.
Successivamente, una volta trovata una corrispondenza adatta nella casella di posta elettronica compromessa della società intermediaria (questioni finanziarie o problematiche tecniche relative al lavoro), continuano la corrispondenza con la società presa di mira impersonando l’azienda intermediaria. Spesso l’obiettivo è quello di persuadere la vittima affinché invii denaro o installi un malware.

“I truffatori usano questi schemi perché funzionano”

Questa tipologia di attacco si è rivelata particolarmente efficace, ragion per cui non è una tecnica sfruttata solamente da ‘piccoli’ criminali alla ricerca di facili guadagni.
“Al momento gli attacchi BEC sono tra le tecniche di ingegneria social più diffuse – spiega Roman Dedenok, security expert di Kaspersky -. La ragione è semplice: i truffatori usano questi schemi perché funzionano. Dal momento che sempre meno persone cascano nella trappola delle finte email di massa, i truffatori hanno incominciato a raccogliere attentamente i dati sulle loro vittime per poi servirsene per guadagnarsi la loro fiducia. Alcuni di questi attacchi vanno in porto proprio perché i cybercriminali riescono a trovare con facilità i nomi e i ruoli lavorativi dei dipendenti, così come le liste dei contatti in open access”.

Lo smart working alimenta una scarsa ‘igiene digitale’

“Le email restano il principale canale di comunicazione usato dalla maggior parte delle aziende – aggiunge Oleg Gorobets, Senior Product Marketing Manager di Kaspersky -. Tuttavia, man mano che lo smart working e l’archiviazione nel cloud diventano la nuova quotidianità, insieme all’aumento di una scarsa ‘igiene digitale’ prevediamo l’emergere di nuovi metodi di truffa, che sfrutteranno queste lacune nella sicurezza aziendale – puntualizza Gorobets -. Servirsi di una soluzione di sicurezza specifica e di una tecnologia ben collaudata e supportata da dati efficaci sulle minacce e algoritmi di machine learning può aiutare a fare la differenza”.

Sanità digitale, la spesa cresce ma la digitalizzazione è ancora frammentata

In Italia la spesa per la sanità digitale cresce del 5%, ma mancano le competenze digitali e le infrastrutture per la gestione dei dati. Se la pandemia ha spinto la diffusione di strumenti digitali nel settore della sanità, con cittadini, medici e strutture sanitarie che ora li utilizzano di più, soprattutto per la telemedicina, il processo di digitalizzazione del sistema sanitario italiano è ancora frammentato. Per questo è necessario attuare partnership tra pubblico e privato, soprattutto per cercare di creare progetti che vadano a rendere operativi quelli che sono gli stanziamenti del PNRR, pari a circa 10 miliardi per la medicina territoriale e altri10 per gli ospedali. Di questo si è parlato nella seconda giornata della Winter School 2022 di Pollenzo, durante l’incontro dal titolo ‘Oltre la logica dei silos per un’offerta integrata di salute’, organizzata da Motore Sanità, con il contributo di Siemens.

Ripensare processi e cambiare i modelli

Digitalizzare non significa trasferire un dato da una cartella cartacea a una computerizzata, ma ripensare processi e cambiare i modelli della sanità stessa puntando soprattutto sulla prossimità al paziente – spiega Alessandra Poggiani, Director of Administration della Fondazione Human Technopole -. Digitalizzare la sanità significa infatti soprattutto supportare il paziente per prevenirne le patologie, “anche attraverso un monitoraggio che oggi la tecnologia rende semplice e immediato”, aggiunge Poggiani.
Un altro potenziale della digitalizzazione sanitaria è la possibilità di avere un accesso semplice, immediato e standardizzato ai dati,” utile a fornire ai decisori politici un quadro informativo migliore per definire politiche di sanità pubblica potenzialmente più efficaci”, aggiunge Poggiani.

Puntare su lavoro a distanza e robot

Quanto alle soluzioni di remotizzazione, possono colmare lunghe distanze, e nell’attuale contesto sanitario il lavoro a distanza è di particolare rilevanza. Può infatti “aiutare a mantenere una distanza di sicurezza da potenziali pazienti infetti e ottimizzare le procedure”, afferma Patrizia Palazzi, Strategic Sales Expert Siemens Healthineers.  Le soluzioni di robotica in interventistica sono in grado di ridurre la dose di radiazioni all’operatore fino al 95% e ridurre fino al 53% il tempo di esecuzione dei trattamenti.
“Il lavoro a distanza nel settore sanitario – sottolinea Palazzi – è emerso come uno dei più efficaci modi per mitigare i tassi di infezione da coronavirus, accedere alle competenze mediche necessarie, massimizzare le risorse, semplificare il trattamento dei pazienti e consentire ai dipendenti di continuare a lavorare anche in quarantena e da casa”.

AI e big data supportano la governance del SSN

“Nell’attuale variegato panorama di flussi informativi e di enti risulta fondamentale avvalersi di sistemi tecnologici avanzati capaci di armonizzare e integrare dati di diversa tipologia e provenienza, superando la classica gestione ‘a silos’ – commenta di David Vannozzi, Direttore Generale CINECA -. In questo contesto, reso ancora più urgente dalla pandemia, ha preso il via un accordo tra CINECA e Ministero della Salute. Il progetto prevede lo sviluppo di soluzioni basate su tecniche di AI e analisi di big data che consentano l’integrazione dei dati, a supporto della governance nel Sistema sanitario nazionale”.